Benvenuti nelle pagine della Società “Dante Alighieri“ di Spalato!

La Società “Dante Alighieri” fu fondata da un gruppo di intellettuali italiani guidato dal poeta G. Carducci nel 1889 e legalmente riconosciuta nel 1893. Venne costituita al tempo della grande emigrazione italiana, determinata da fattori economici, con lo scopo di conservare i legami linguistici e culturali con la patria e di promuovere i valori della cultura italiana tra gli estimatori di questa lingua.

continua...

 

 

XIX SETTIMANA DELLA LINGUA ITALIANA NEL MONDO

21-27 ottobre 2019

 

Martedì, 22.10.2019

18.30 – aula multimediale, Biblioteca civica Marko Marulić, Ulica slobode 2

Confereza: “Il nome della rosa: l’analisi del romanzo e del film”.

Relatore: Katarina Dalmatin.

 

Giovedì, 24.10.2019

18.30 – aula multimediale, Biblioteca civica Marko Marulić, Ulica slobode 2

Conferenza: “Zeffirelli – il pianeta sul quale le Muse celebrano l’arte”. Relatore: Tonći Šitin

 

Venerdì, 25.10.2019

18.00 – aula grande Dante Alighieri, Sinjska 2/IV

Film: “Filumena Marturano – Matrimonio all’italiana”, 1964.

Regista: Vittorio de Sica. Attori: Sophia Loren e Marcello Mastroianni.

 

Sabato, 26.10.2019

18.00 – aula grande Dante Alighieri, Sinjska 2/IV

Conferenza e multimedia: “E lucevan le stelle”. Relatore: Hrid Matić

con il Complesso musicale della Società italiano-croata di Zagabria.

Tečajevi talijanskog jezika i kulture

pri udruzi DANTE ALIGHIERI SPLIT osmišljeni su u skladu sa Zajedničkim europskim referentnim okvirom za jezike (CEF) Vijeća Europe, uz maksimalnu prilagodbu kako uzrastu i interesima tako i očekivanjima polaznika. Razina stupnjeva kreće se od početnog A1 do završnoga C2.

Burni život jednog Dalmatinca /
La vita movimentata di un dalmata

Autore: Ljerka Šimunković
Recensori: Nataša Bajić-Žarko, Joško Belamarić, Rita Tolomeo
Editore: Dante Alighieri Split
Split 2013., 374 str., illustrato

Il “dalmata” di cui si parla, da lungo tempo dimenticato, è Alvise Geniceo (Vis 1767 - Vis 1848) che lasciò l’isola natia sin da giovane per scoprire e conoscere il grande mondo. Acquisì enormi ricchezze, conobbe tanti personaggi del suo tempo, tra cui molti principi e re, ed ebbe una vita da gran signore. Dopo aver perso le sue ricchezze, fece ritorno a Vis e lì si spense in solitudine e in povertà; le uniche tracce rimaste della sua vita nell’isola natia sono nei registri delle nascite e delle morti. Essendo, peraltro, morto senza discendenti diretti e legittimi, le memorie della sua esistenza, già flebili, sarebbero andate perdute col passare del tempo. Fortunatamente ha lasciato una sorta di autobiografia manoscritta, quasi incredibile, e un centinaio di lettere che attestano l’autenticità del manoscritto.
 L’autrice del libro ha elaborato il voluminoso materiale archivistico in modo assai esauriente e critico, traducendo in croato e commentando le parti più interessanti. Per attestare la veridicità del manoscritto, ha finanche intrapreso alcuni viaggi ripercorrendo le tracce dell’antico avventuriero. L’immenso materiale raccolto è stato esposto nelle quasi 400 pagine del volume, che si offre a una duplice lettura: testimonianza storica e, nel contempo, interessante pagina documentale che si legge piacevolmente ed avvicina il lettore ad un personaggio davvero singolare e al suo tempo.

Prezzo: 120,00 kn

ritorna all'attività editoriale e ricerche scientifiche

Eugenija i Riccardo / ili Škrtac ukoliko postoji

Prima edizione del manoscritto trascritto e tradotto da Ljerka Šimunković

Recensori: Stjepan Ćosić i Živko Nižić
Editore: Dante Alighieri Split
Split, ottobre 2015, 120 pp.

Il manoscritto del testo teatrale del raguseo Luko Stulli (1772 - 1828) è stato a lungo considerato perso, ma alcuni anni fa è stato riscoperto in un fondo dell'Archivio di Stato a Dubrovnik. È stato scritto in italiano a cavallo di due secoli: il Settecento e l’Ottocento.

Luko Stulli è uno dei tre famosi fratelli Stulli: il fratello maggiore, Petar, ha ricoperto posizioni di rilievo nella Repubblica di Ragusa - è stato l'ultimo cancelliere della Repubblica prima della sua soppressione nel 1808. Il fratello di mezzo, Vlaho, è celebre come l'autore della commedia popolare Kate Kapuralica, scritta in croato e ancora oggi messa in scena con alto gradimento del pubblico. Il più giovane Luko era molto stimato come medico, scienziato, e autore di trattati scientifici nel campo della medicina e della geologia, nonché autore di opere letterarie scritte in latino e in italiano. Con il suo opus letterario appartiene all’ultimo cerchio classicistico di Dubrovnik, a differenza di suo fratello Vlaho, che è stato uno dei primi commediografi naturalisti di Dubrovnik.

Il testo teatrale ben equilibrato di Luko Stulli pubblicato in questa edizione nella sua forma originale in italiano e tradotto in croato, rappresenta un esempio straordinario di quelle visioni del mondo e dei rapporti umani che a Dubrovnik veniva chiamato brevemente e semplicemente: armonico.

 Prezzo: 120,00 kn

 

 

ritorna all'attività editoriale e ricerche scientifiche